\\ Premio Giornalista Economico
Fabio Tamburini
Direttore Il Sole 24 Ore

TAMBURINI DX.jpg

Fabio Tamburini è un giornalista e scrittore italiano nato a Milano nel 1954. È direttore de Il Sole 24 Ore, dell’agenzia di stampa Radiocor e di Radio24 dal 12 settembre 2018. Dal 30 aprile 2019 è stato nominato anche direttore editoriale del Gruppo 24 Ore.

 

Il debutto nel mondo del giornalismo arriva dopo la laurea in Giurisprudenza, quando ottiene la prima collaborazione nella sua città presso la redazione del gruppo d’informazione economica Espansione. Un mensile in edicola ogni primo venerdì del mese dal 1969. Si è sempre occupato di finanza ed economia industriale, nel  curriculum rientra anche la doppia esperienza come docente universitario per le cattedre di Storia economica ed Economia degli intermediari finanziari presso le facoltà di Economia dell’Università Federico II di Napoli e di Parma. Dopo gli esordi ad Espansione passa al settimanale economico della Rizzoli, il Mondo, dove ha lavorato come redattore, capo servizio e caporedattore (rispettivamente con i direttori Paolo Panerai, Giulio Anselmi e Redento Mori). Successivamente è passato al Sole 24 Ore come inviato, sotto la direzione di Gianni Locatelli, e poi a La Repubblica, prima come inviato (con direttore Eugenio Scalfari) e poi come vicecaporedattore di economia e finanza (con Ezio Mauro). Da lì viene assunto alla Class editori, come vicedirettore sia del quotidiano MF, sia del settimanale Milano Finanza.


Dal 2005 al 2013 è direttore di Radiocor (aggiungendo la direzione della free press del gruppo 24 Ore, 24 minuti) e dal 2010 al 2013 di Radio 24, sempre del Gruppo 24 Ore. In seguito è stato prima editorialista del Corriere della Sera e dell’Ansa, poi vicedirettore dell’Ansa. Nel settembre 2018 il consiglio di amministrazione del Sole 24 Ore, presieduto da Edoardo Garrone, elegge all’unanimità Fabio Tamburini come nuovo direttore del quotidiano economico al posto di Guido Gentili.

 

Nel corso della carriera ha pubblicato diversi libri, tra questi si ricordano con la Longanesi: Un siciliano a Milano, biografia non autorizzata di Enrico Cuccia, in cui l’autore ripercorre la vita del noto banchiere romano di origini siciliane, fondatore di Mediobanca, una figura di rilievo in campo finanziario a partire dal Dopoguerra; Misteri d’Italia, una lunga intervista ad Aldo Ravelli, dalla deportazione in un campo di sterminio alle sue abilità in borsa tanto da diventare un riferimento per molti uomini d’affari, che si rivolgevano a lui anche solo per un consiglio; Affari in piazza, Il volume comprende otto interviste a personaggi come Urbano Aletti, Vincenzo Matturri, Enzo Berlanda, Alberto Milla, Attilio Ventura, Ettore Fumagalli, Francesco Micheli, Gianluigi Milla.

L’autore attraverso le loro esperienze umane e professionali ricostruisce la storia di Milano e di Italia che, di pari passo alla Borsa e all’evoluzione digitale, sono cambiate creando le condizioni per un mercato completamente nuovo.

Nel 2008 Storie di Borsa quotidiana (pubblicato dal Sole 24 Ore) e nel 2009 Wall street: la Stangata (Baldini Castoldi Dalai) porta in primo piano il crollo del capitalismo finanziario, i peccati capitali commessi dalle principali banche d'affari, dalle agenzie di rating, da revisori, autorità di controllo e dai cosiddetti consiglieri indipendenti che hanno portato alla crisi economica del 2008. Oltre agli errori commessi vengono valutate anche le opportunità che possono nascere da una crisi.